Benvenuto sul nostro Agriblog

Agricampania > Agriblog

Nicola Caputo
Nicola Caputo5 mesi fa
In questo week-end ho riflettuto su alcune circostanze e persone e mi sono imbattuto nella stessa citazione di Rita Levi Montalcini che ebbi modo di riportare qualche tempo fa (ricordo che ero a Bruxelles):
"Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva"(Rita Levi-Montalcini).

E allora amici, al lavoro, nella vita quotidiana, con gli amici, seguiamo la freccia dell’eccellenza, lasciamo ai mediocri il loro piccolo mondo mediocre talvolta pervaso da invidia e pregiudizi.

#BuonaSettimana
Usciamo dalla zona grigia, perché no?

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo5 mesi fa
"Malgrado un Pil stimato di 2,84 mila miliardi di dollari, imprese innovative rinomate nel mondo, un vasto settore agricolo e un'industria manifatturiera moderna, i lavoratori e piccoli agricoltori sono ancora pesantemente segnati da orari lunghi e salari bassi, manodopera di migranti, braccianti e stagionali spesso lasciati in un limbo.”
Rapporto ONU su sfruttamento e violazione dei diritti umani nella filiera agroalimentare in Italia 2020, firmato da Hilal Elver, responsabile diritti umani delle Nazioni Unite

Lavoriamo tutti insieme per un mondo migliore
Buon 1 Maggio!

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo5 mesi fa
#AgriDiario #AgriDay133

Stamattina il tour è iniziato da Agropoli presso l’Azienda bufalina, #Polito (#Agrivisit108), dei due ambiziosi ed energici fratelli, #Nicola e #Francesco Polito. Con me c’erano il tecnico #FrancescoAgresti, la DG #MariaPassari e la dott.ssa #Ingenito, per osservare la gestione dei reflui zootecnici; questa azienda ha attuato la produzione di ammendante biologico proveniente dai reflui e trasformato dai lombrichi, gli ingegneri ecologici, amici della terra. L'azienda bufalina conta circa 600 bufale e l'impianto trasforma circa il 40 % del letame prodotto dalla mandria. Una Best practice di gestione aziendale improntata alla sostenibilità ambientale, un concreto esempio di economia circolare capace di trasformare una problematica ambientale in una risorsa per l’agricoltura.
Collaborazione e condivisione di obiettivi: i due valori su cui investire per la riduzione delle eccedenze alimentari. Come mettere in campo iniziative anche da parte della Regione, per promuovere azioni virtuose che possano diventare parte del nostro quotidiano per combattere lo spreco alimentare. Ne abbiamo discusso nel corso della seconda tappa presso l'Associazione l'”#Abbraccio” di Salerno, con #MatteoMarzano, la parlamentare #MariaChiaraGadda, il Consigliere regionale #TommasoPellegrino e l’ex senatrice #AngelicaSaggese. E’ stata anche l’occasione per fare il punto sullo stato dell’#AgricolturaSociale e ragionare su un sistema per implementare la costituzione di cooperative sociali e favorire l'ingresso degli attori del terzo settore nel comparto agricolo. Abbiamo parlato anche di #AgriAsili, un servizio socio educativo per l’infanzia che propone ai bambini esperienze educative integrate con le attività dell’azienda agricola. L’azienda utilizza i propri spazi, cicli produttivi, prodotti e il proprio know how per far sperimentare ai piccoli un contatto diretto, esperienziale e tattile, con la natura. Valuteremo l’ipotesi di poter incrementare la creazione di AgriAsili. Il connubio tra agricoltura e istruzione infantile per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con il cibo sano.
Insomma, l‘agricoltura sociale è una novità di rilievo nel quadro delle politiche sociali che costituisce una significativa declinazione dell’approccio multidisciplinare, capace di produrre non solo alimenti sani, attenti alle tradizioni, ma anche soluzioni nuove per la coesione del territorio.

In tarda mattinata ho avuto, con gli Assessori Regionali all’Agricoltura del Sud e dell’Umbria, una webconference con il Ministro per il Mezzogiorno #MaraCarfagna sull’ormai nota questione dei criteri di ripartizione del Feasr. Abbiamo riscontrato grande disponibilità all’ascolto del Ministro, la battaglia continuerà nei prossimi giorni. Siamo determinati a rivendicare la ragioni dell’Agricoltura del Sud e sono convinto che ci riusciremo, grazie al fronte comune compatto che abbiamo costituito.
Un SUD che non elemosina ma che impone le sue ragioni, è una bella novità nel panorama politico-Istituzionale.

Ancora agricoltura sociale a Salerno presso “#IlCasale” (#AgriVisit #109) dove ci ha accolti #Enrico, il fattore, che ci ha illustrato il funzionamento dell'azienda che, con il supporto dell'Associazione l'Abbraccio, svolge un'utile attività di inclusione sociale, consentendo a ragazzi affetti da patologie di autismo o provenienti da realtà difficili, di avere un contatto con la terra e svolgere lavori legati all'agricoltura. Qui l’agricoltura sociale non è solo una possibilità d’impiego per individui svantaggiati ma una vera esperienza di vita, formazione, orientamento, socializzazione e crescita personale per i giovani che hanno bisogno di avere fiducia in se stessi, esplorare nuove opportunità, sentirsi responsabilizzati, vedere i risultati del proprio lavoro ed entusiasmarsi per i risultati raggiunti.

Per finire mi sono recato ad Eboli dal mio amico #ArmandoLamberti per una pomeriggio dedicato all’ascolto, nel corso del quale ho potuto ascoltare professionisti e amministratori di questo territorio, vocato per tradizione all'agricoltura. Mi ha colpito in particolare, il racconto di #PasqualeSarro un giovane di 24 anni, laureato in economia, che seppur escluso dal bando #Pig non si è perso d'animo ed ha intrapreso comunque la sua attività agricola perseguendo con ostinazione il suo obiettivo e i suoi sogni. Si è rimboccato le maniche ed ha messo su una rete per distribuire i suoi prodotti a chilometro zero. Questa è l'agricoltura che ci piace, fatta di coraggio determinazione e fiducia nel futuro. Quella di oggi è stata una esperienza costruttiva e piena di spunti utili che va ripetuta periodicamente per evitare di allontanarsi troppo dalle esigenze reali.

Oggi c’è spazio anche per una #GoodNews: anticipo l'adozione di una ulteriore e finale proroga per la conclusione dei lavori di tutti i beneficiari delle misure del #PSR. Sono scaduti i termini per la realizzazione dei progetti concessa alle misure pubbliche e private del PSR causa pandemia. Tante le richieste pervenute in tal senso per cui con gli uffici abbiamo valutato utile concedere ulteriori 40 giorni di proroga ma non incondizionata e generalizzata. In futuro non ci potranno più essere aperture in tal senso: appellarsi ancora a blocchi o rallentamenti per il completamento delle attività è complicato da giustificare posto che nel 2021 le limitazioni imposte dai vari #DPCM non hanno comportato l'impossibilità di proseguire l'attività in essere in campo agricolo ed edile. I principi di correttezza e puntualità dovranno invece rappresentare la regola nella prossima programmazione. Le eventuali ulteriori proroghe non saranno più concesse in modo generalizzato, ma si baseranno su precise e circostanziate richieste dei beneficiari suffragate da motivazioni reali e documentate che dimostrino l'impossibilità della conclusione attività nel termine previsto! #ChangeYourMind

#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo5 mesi fa
#AgriDiario #AgriDay132

Questa timida giornata primaverile è iniziata con una riunione con di #Uncem, le sigle sindacali #Flai, #Uila e #Fai, le provincie di #Salerno, #Avellino e #Caserta e #ComunitáMontane per l'accordo con gli enti provinciali finalizzato all'assunzione nel 2021, di circa 100 #OTD in forza alle province. Gli Uffici dell’Assessorato guidati dalla dott.ssa #FloraDellaValle, hanno svolto una delicata funzione di intermediazione che ha visto la formalizzazione degli accordi tra: la Provincia di Salerno e la Comunitá montana Irno Solofrana per l'assunzione di 12 OTD, la Provincia di Avellino e la Comunitá montana Partenio per 18 OTD e la Provincia di Caserta e la Comunitá montana del Matese per l'assunzione di 69 OTD. Accordi che si rendono necessari in quanto le province, a causa di situazioni di dissesto e predissesto, non sono in grado di poter assumere gli operai in forza come previsto dalla normativa nazionale. Grazie dunque alla disponibilità e al senso di responsabilità mostrato da Uncem e dalle citate comunità montane i 100 OTD verranno assunti nei tempi utili per assicurare loro la fruizione delle 151 giornate di lavoro previste presso le aree di competenza del proprio ente di appartenenza. Stiamo continuando a cercare soluzioni per il sostegno economico al settore, nella prossima settimana verrano liquidati i primi #20 Meuro del secondo stralcio annualità 2020 alle nostre comunità montane e, nel mese di maggio, si recupereremo la restante parte, pari a #12 Meuro.

A seguire ho ascoltato con piacere, l'iniziativa di un giovane agronomo cilentano #LeonardoFeola, che rientrato dopo gli studi nel proprio paese d'origine ha scelto, con il supporto di #Confagricoltura e #Confcooperative, di avviare un attività silvo-pastorale recuperando uno dei tanti terreni pubblici, appartenenti alla Regione, abbandonati per mancanza di personale e, soprattutto, di progettazione. La proposta rappresenta un modello innovativo fondato sulla cooperativa di comunità, in grado di realizzare attività di impresa per il terzo settore. Un comparto quello dell'agricoltura sociale, che si intende sostenere con impegno e determinazione per il grande potenziale che esprime per lo Sviluppo ambientale turistico e socioeconomico. #Vision queste che rafforzano l’idea che l'avvio della #BancaDellaTerraCampana può condurre ad una sostenibile e produttiva gestione delle risorse regionali!

Con la D.G. #MariellaPassari abbiamo fatto il punto sullo stato di rilevazione dei dati del #Censimento ISTAT in agricoltura per avere una prima idea dello situazione delle imprese agricole campane per provincia. Ci Confronteremo sullo stato dei lavori nella prossima riunione del #TavoloVerde. #staytuned.

Ho poi incontrato i Prof. #VincenzoPeretti e #LuigiEsposito con i quali abbiamo fatto il punto sulle attività del #CentroRegionale per il Monitoraggio e la Gestione dell'Agro-Ecosistema della Campania-Mogae. Uno strumento della regione al servizio di allevatori e agricoltori.

Da #Bruxelles mi giungono notizie che il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, sul #PianoPluriennaleDiGestione del #TonnoRosso, ha approvato un emendamento al testo della #PropostaDiRegolamento che, laddove confermato dal voto sul testo integrale, aprirebbe un contenzioso con il Consiglio. Parlamento e Consiglio avevano raggiunto un accordo su tale piano di gestione alla fine del 2020, ma il Consiglio in sede di ratifica dell’accordo raggiunto, ne ha rifiutato l’approvazione formale contestando la richiesta di maggiore attenzione nella distribuzione delle quote. Il nodo dello scontro, con ricaduta anche sulla #FilieraTonnoCampana, è rappresentato dalla proposta del PE che prevede la possibilità di allargare la quota dedicata alla #PiccolaPescaArtigianale, in particolare a tutti quegli Stati che ne hanno destinato meno del 20% (come l’Italia), di prevedere deroghe alle piccole imbarcazioni e di concedere flessibilità agli Stati Membri in caso di crisi sanitarie e di condizioni metereologiche avverse. La questione ha assunto una connotazione politica, chiamando in causa il ruolo del Consiglio rispetto a quello del Parlamento europeo ( antica diatriba). Questo comportamento del Consiglio rischia di creare un precedente per il quale le richieste del Parlamento potrebbero essere cestinate per volontà dei singoli Stati Membri. Mi risulta che la maggior parte dei gruppi politici, abbiano votato per la chiusura della prima lettura al fine di mostrare al Consiglio che il Parlamento è compatto nel difendere i risultati raggiunti al trilogo. Interloquirò, a breve, con gli #Stakeholder Locali e con Bruxelles per verificare l’impatto che le decisioni legislative potrebbero avere sulle #MarinerieCampane...StayTuned

Infine, interessante confronto sul ruolo del #mictobiota in agricoltura a cui ha preso parte il Prof. #MauroMinelli, immunologo e responsabile per il Sud della Fondazione Italiana di Medicina Personalizzata e il Dott. #AntonioLimone direttore dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno. Se il microbiota è fondamentale per la nostra salute lo è anche per quella di piante ed animali. Nella discussione di oggi abbiamo ragionato su come sfruttarlo per migliorare la nostra agricoltura. Una sempre più profonda conoscenza del microbiota potrebbe portare ad un’“agricoltura personalizzata” funzionale. E’ stato interessante riscontrare come questi concetti, sempre più radicati nel mondo accademico, stiano facendo breccia anche nel mondo dell’imprenditoria. In diversi paesi si sta registrando una sempre maggiore attenzione per le applicazioni del microbiota in agricoltura. Questo insieme di microorganismi che prolifera all’ interfaccia suolo-radice può essere una delle carte vincenti per lo sviluppo sostenibile dell’agricoltura. Ma per arrivare a questo risultato il lavoro intrapreso è appena cominciato...

#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo5 mesi fa
#AgriDiario #AgriDay131 Giornata romana tra vari uffici...tutti proficui per la Regione Campania: sia al Ministero, che in Conferenza delle Regioni che in Agea. Proprio qui con il DG #Pagliardini ho discusso anche dell’Organismo pagatore regionale #Ageac e della possibile configurazione che possiamo farne discendere, immaginando un #ModelloCampania che possa essere ripreso anche dalle altre regioni e rappresentare un primo passo (rivoluzionario) per un profondo cambiamento del sistema nazionale dei pagamenti. Abbiamo affrontato il tema dei sistemi informativi e della necessità di sviluppare, in ogni caso, sinergie utili per un migliore utilizzo dei dati.
Ho salutato i colleghi ( ormai amici) assessori all’Agricoltura delle Regioni Calabria #GianlucaGallo e della Regione Sicilia #ToniScilla: per la prima volta, dopo decenni, le Regioni del Sud fanno squadra e cercano di tenere testa alle altre Regioni rivendicando la forza dell’Agricoltura Meridionale!
Ovviamente sono stato in costante raccordo con gli uffici per affrontare alcune spinose questioni, come quella delle richieste di proroga per il completamento dei lavori per le misure del PSR, o quello rappresentatomi dell’avvio della stagione della mitilicoltura in alcune aree divenute critiche. Ma di questo e di altro vi dirò domani
#GoodNight

#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo5 mesi fa
#AgriDiario #AgriDay130

Nella prima riunione della giornata ho fatto il punto con la DG delle politiche agricole #MariellaPasseri e con #AmedeoDAntonio e #MariaRosariaIngenito, funzionari esperti sull’impatto delle attività agricole sulle perfomance ambientali, sulla #denitrificazione, cioè la trasformazione e l’abbattimento di inquinanti azotati derivanti dai reflui zootecnici agricoli. Abbiamo discusso delle linee guida scientifiche per rendere più efficienti i processi per il trattamento dei reflui zootecnici al fine di rispondere alle esigenze derivanti all’entrata in vigore del programma d’azione per le zone vulnerabili ai nitrati.
Ci stiamo sforzando di trovare la soluzione tecnicamente giusta per accompagnare le imprese in questa difficile fase di adeguamento strutturale dei parametri ambientali ma anche di individuare le misure del PSR meglio rispondenti alle esigenze.

A #SantaLucia, prima di partecipare ai lavori della #Giunta ho avuto un incontro con la collega di Giunta #LuciaFortini assessore Regionale alla Scuola e con il Dirigente scolastico Prof. Alessandro #Turchi, del ProfAgri di Salerno per costruire, insieme, un innovativo format della #FormazioneAgricolaInCampania. Il concept parte dalla consapevolezza di mettere a sistema skill e risorse che possano portare alla creazione di un virtuoso sistema formativo che, partendo dagli Istituti Agrari della Regione Campania faccia acquisire ai discenti un #PortfolioDiCompetenze” immediatamente spendibili nel settore agricolo e nelle sue filiere, con uno sguardo sempre più attento ai #SistemiInnovativiInAgricoltura. Consapevoli di lavorare sulla #FilieraFormativaGreen e su una progettualità innovativa, non solo per la Campania ma anche per l’Italia, ho sin da subito proposto un gruppo di lavoro, composto da componenti dei due Assessorati e dell’Ufficio Scolastico che traduca il concept in un #TrainingModel, da mettere subito a sistema, anche in virtù della imminente programmazione dei fondi FEASR e degli altri fondi per la formazione scolastica, #OnTheJob, con cui interagire. Progetto entusiasmante ed ambizioso...#StayTuned

A margine della riunione della Giunta regionale ho avuto modo di relazionare al #PresidenteDeLuca con #AntonioLimone, responsabile dell’#Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno sulla questione della brucellosi che colpisce allevamenti concentrati in un’area della provincia di Caserta. L’incontro è stato necessario per fare il punto dopo le varie riunioni tenutesi nelle settimane scorse con gli #Stakeholders e le organizzazioni del settore.
La situazione richiede scelte coraggiose e rigorose, scelte anche difficili dalle quali potranno discendere conseguenze non secondarie per la competitività del settore più forte dell’agroalimentare campano quale quello della Mozzarella di Bufala Campana.
Il Presidente De Luca ha avuto modo di precisare nuovamente la necessità di improntare le azione da mettere in campo ai principi del rigore e della vicinanza agli allevatori.

Al rientro in assessorato erano ad attendermi amministratori locali con i quali mi confronto spesso sulle questioni che riguardano le problematiche del territorio. Con #BiagioGuarino, consigliere comunale di Mugnano di Napoli, abbiamo discusso di come valorizzare le aree verdi comunali, in particolare quelle del Parco Agricolo che attraverso il prossimo PUC dovrà trasformarsi in un prezioso polmone verde. Abbiamo parlato di diversi progetti, come la Banca della Terra e della prossima programmazione. Con il consigliere comunale di Caserta #PasqualeAntonucci, invece, abbiamo valutato la possibilità di improntare la città alla tutela ambientale creando molte più aree verdi. Proficuo l’incontro anche con #SimonaFracassi responsabile del centro d’ascolto per le aree interne di Vairano Patenora. Organizzeremo presto un tour nei paesi dell’alto casertano per incontrare giovani imprenditori e valorizzare i prodotti tipici locali. Abbiamo anche discusso della necessità di rilanciare gli agriturismi fermi a causa della pandemia.

I Distretti del Cibo rappresentano una grande occasione per valorizzare le produzioni agricole e agroalimentari caratterizzati come sono in maniera forte e immediatamente riconoscibile prodotto e territorio. Ne ho discusso con la D.G. #MariellaPassari e con #NandoGandolfo con cui ci siamo confrontati su come adottare le misure della prossima programmazione il più possibile alle esigenze specifiche dell’agricoltura.
Nella prossima riunione del #TavoloVerde affronteremo anche questo argomento per individuare il percorso giusto che, partendo da una razionalizzazione dei soggetti in campo, possa determinare le condizioni per un vero rafforzamento di questi enti anche in termini di rappresentatività territoriale.

#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo