Benvenuto sul nostro Agriblog

Agricampania > Agriblog

Nicola Caputo
Nicola Caputo1 giorno fa
Domenica alla #ReggiaDiCaserta
Un’ora di passeggiata veloce, il pensiero fisso a Corrado ❤️impegnato a studiare a tanti Km da noi e la riflessione profonda di #Mariotto: Non vedo l’ora di tornarci con Corrado, mi manca tanto tanto!

#WithMyFamily
#GiornataDellaFamiglia

Nicola Caputo Mariabrigida Del Monaco
Nicola Caputo
Nicola Caputo2 giorni fa
Buon Week-end a tutti.
La sintesi delle attività della settimana nel tradizionale #AgriWeekReCap

#AgriInnovation
#AgriTrasparency

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo2 giorni fa
#AgriDiario #AgriDay377

Ieri mattina ho partecipato a Re-Food: Reinventarsi gli scarti agroalimentari, l’evento tenutosi presso il Dipartimento di Agraria della Federico II che ha premiato i designer capaci di reinventare gli scarti agroalimentari, grazie ad una partnership tra il Dipartimento di Agraria, il Dipartimento di Architettura dell'Universita' degli Studi di Napoli Federico II, in collaborazione con l'ADI - Associazione per il Disegno Industriale. Prima del mio intervento ho avuto modo di apprezzare le varie realizzazioni: dalle mattonelle di cozze e vongole, alle tazzine fatte con i fondi di caffè, al manufatto del vincitore della competizione che ha realizzato una cassetta per uccelli biodegradabile che, dopo l’uso rilascia i semi di cui è composta per arricchire il terreno. Nei miei saluti istituzionali, preceduti dall’intervento del Direttore della Facoltá di Agraria, Danilo Ercolino ho elogiato le realizzazioni esposte ed evidenziato come sia importante, sopratutto in questo periodo storico, far leva sulla #EconomiaCircolare per il riutilizzo dei materiali di scarto provenienti da prodotti agricoli per realizzare oggetti utili e packaging innovativi e biodegradabili….#AgriFoodDesign

Ho ricevuto la visita di Amos Radian, Ambassador (Ret.), V.P. International Affairs di Israele con il quale abbiamo avviato una discussione per contaminarci di buone pratiche agricole sull’asse #RegionCampania - #Israele. Il loro centro di eccellenza per lo sviluppo di nuove tecnologie in agricoltura: il “Centro Vulcano” di #TelAviv è uno dei primi al mondo per “buone pratiche sostenibili” in agricoltura. È mia intenzione definire una #WorkRoadMap che a step intermedi avvicini le due realtà produttive, campana ed israeliana, partendo dall’aumento della #ShelfLife delle produzioni con tecnologie ultrasoniche, per arrivare a stabilire partenariati di ricerca transnazionali che prevedano il miglioramento delle produzioni in campo anche in termini di riduzioni di acque e fertilizzanti. Insomma, abbiamo avviato una cordiale e fattiva collaborazione che prevedo a breve si concretizzerà nella realizzazione di un primo step collaborativo nel quale intendo coinvolgere operatori di filiera selezionati, qualificati e strutturati che possano fare da pionieri nello sviluppare questa importante relazione istituzionale…#AgriInternational

La #GoodNews riguarda la nota del presidente della #ConferenzaDelleRegioni #MassimilianoFedriga con la quale, preso atto delle determinazioni assunte nel corso della precedente #CPA da tutte le regioni, si sollecita il ministro #StefanoPatuanelli affinché il #MIPAAF recepisca quanto prima la bozza di decreto legge predisposto dal #MITE sulla modifica della l. 157/92. L'esigenza rappresentata dalle regioni e recepita dal MITE, trae origine dalla necessità di ridurre i danni provocati da ungulati in ambito agricolo, rafforzata però anche dal crescente pericolo per la pubblica sicurezza legata ai sinistri stradali e alle presenza della specie in ambito urbano, nonché purtroppo alla comparsa sul territorio nazionale di casi di #PesteSuinaAfricana!

Proprio sul tema della #PSA ho incontrato i rappresentanti degli allevatori suinicoli della #RazzaCasertana che, con #DavideMinicozzi presidente #ARAC, hanno voluto rappresentare e condividere le loro legittime preoccupazioni legate al ritrovamento del virus alle porte della Campania. Negli ultimi giorni, infatti, nel #Lazio sono stati registrati alcuni casi di #PSA, spiegando, la Campania si è fatta trovare pronta con azioni sistemiche di prevenzione grazie al supporto tecnico degli operatori veterinari e del #CRIUV le azioni che si stanno ponendo in essere sia a livello nazionale di lotta attiva, sia a livello regionale di prevenzione passiva, attraverso il monitoraggio costante da parte della protezione civile e Asl con il supporto dei selecontrollori e delle associazioni venatorie!
Il dialogo costruttivo da subito instauratasi con gli allevatori ha creato le condizioni ideali per poter avviare un percorso di sostegno volto alla tutela di un comparto importantissimo. L'esigenza è quella di consentire alle aziende, intenzionate ad adeguarsi alla normativa, di dotarsi di tutti i sistemi di #BioSicurezza necessari a salvaguardare il patrimonio genetico di questa razza suinicola autoctona. La voglia di difendere questo enorme patrimonio economico e culturale "costi quel che costi", trapelata dalla parole degli allevatori, in particolare del giovane, ha spinto tutti i partecipanti a cercare un percorso condiviso con azioni integrate di tutela e sostegno. Si tratta di un ulteriore ed eventuale emergenza sanitaria che la #RegioneCampania si trova a dover fronteggiare, consapevole che la sinergia con gli allevatori e il rigore delle azioni di prevenzione sono elementi imprescindibili per raggiungere l'obiettivo comune!
La preoccupazione di tutti è la possibile estinzione della razza del Suino Nero Casertano qualora dovessero isolarsi casi di Peste Suina africana anche in campania. È un pericolo che va assolutamente scongiurato!

Immediatamente dopo l'incontro ho voluto riunire il gruppo di dirigenti attualmente impiegato nella stesura dei bandi e delle preinformative che riguardano il periodo transitorio per individuare gli spazi di manovra per andare incontro alle esigenze degli allevatori suinicoli nel campo della biosicurezza così come fatto per il comparto bufalino e la creazione di una misura ad hoc (4.1.1 azione 😎. Con disponibilità e professionalità la struttura ha accolto questa nuova sfida programmando già per la prossima settimana riunioni tecniche per gestire e fronteggiare la problematica.

Nel pomeriggio tour tra pascoli ed antiche masserie nell’alto casertano per visitare alcune delle aziende d’eccellenza del settore zootecnico campano che fanno della sintesi tra tradizione e nuove tecnologie la loro cifra.

Prima tappa presso l’Azienda agricola #Pontereale (#AgriVisit) situata in un’antichissima riserva di caccia borbonica, da sempre annoverata tra i luoghi più belli ed incontaminati dell’intero “Regno delle due Sicilie”. L’ Azienda Ponte Reale rappresenta, una realtà innovativa per il suo settore, coniugando la più antica tradizione con concetti all’avanguardia come la sostenibilità e la responsabilità d’impresa. In altre parole l’amore per l’allevamento e per la produzione casearia ereditata da #PasqualeRega, nonno dell’attuale fondatore, famoso per i suoi prodotti già nel 1890, è stato attualizzato con pratiche gestionali innovative. L’obbiettivo fissato allora fu quello di creare un azienda che potesse porre sul mercato un prodotto di qualità superiore, incentivando il rispetto per l’ecosistema, per gli animali e soprattutto per le persone. Abbiamo visitato un’azienda con Allevamento semibrado con un concept che pone le norme di biosicurezza ed il welfare animale al centro delle attività.

Sempre nella stessa area abbiamo visitato l’Azienda agricola #GiovanniRascato (#AgriVisit196) di Pietramelara, una delle più grandi aziende di allevamento bovino della Regione. Anche qui, ampi spazi e benessere animale sono gli elementi più significativi dell'azienda. A questo si aggiunge uno scenario mozzafiato nel prospiciente laghetto e un’accoglienza straordinaria dell’intera famiglia Rascato con la quale mi sono soffermato per lungo tempo a discutere delle iniziative da intraprendere nel settore zootecnico.
Una famiglia unita che lavora con passione in un’azienda dalle potenzialità uniche che anno dopo anno si sta imponendo sempre più sul mercato grazie alla sapienza di Giovanni ma anche alla Vision della signora Rosa e dei loro figli di cui Antonio già a lavoro a tempo pieno.
Con Giovanni Rascato mi sono intrattenuto a discutere delle problematiche del prezzo del latte ed ho avuto modo di condividere l’ambizione di affermare il brqnd campania per invogliare i consumatori a consumare latte fresco campano. #BraviTutti

Terza tappa presso l’ Allevamento bufalino, Fattoria Reale del #Torcino (#AgriVisit) che dal 2012 è stata acquisita del gruppo Fattorie Garofalo - attualmente si estende su circa 270 ettari: 87 di sau, 10 di centro aziendale e paddock e 173 di bosco. Nell'azienda c'è grande attenzione al benessere animale si allevano circa 2000 capi bufalini, – ci spiega #GiovanniGarofalo, che dirige la struttura – Bufale per la filiera della mozzarella di bufala campana Dop con un occhio all’ innovazione genetica, una sala mungitura tra le più ampie d'Italia, ampi sono gli spazi a disposizione degli animali e grande attenzione per la coltivazione del bosco ceduo misto che sovrasta la struttura, in una cornice scenografica estremamente gradevole, quella dell’Alto casertano, tra i comuni di Ciorlano e Capriati al Volturno.

Quarta tappa, presso l'azienda bufalina #Vitale (#AgriVisit197), un’azienda perfetta, unica, une vera #BestPractice Campana basata su solidi principi/ amore per la terra, per le bufale e per il loro latte. Ogni singola parte del processo viene seguito con attenzione e meticolosità per garantire ai consumatori sempre gli stessi standard qualitativi che contraddistinguono la vera unicità dell’azienda Agricola Vitale. Grande cura per gli strumenti di lavoro e sguardo posato su ciò che di meglio la tecnologia odierna può offrire per portare innovazioni in quello che l’azienda fa. Qui abbiamo trovato elevati standard di biosicurezza. È un'azienda che ha già tutti gli standard previsti dal Piano di Eradicazione...una vera stalla modello che smentisce in pieno tutto il fango buttato sul settore ed in Provincia di Caserta.
Il modello cui tendiamo per levare il livello del nostro comparto è già realizzato. Un impianto davvero di riferimento dove anche le abitaIoni per i dipendenti sono stati immaginati e costruiti per assicurare loro le migliori condizioni di vivibità.
Straordinaria le stalle, tutte in condizioni igieniche esemplari e con massaggiatori per le bufale, la sala mungitura tutta in acciaia, uno dei fiori all’occhiello e con una biosicurezza che non avevo mai avuto modo vedere e non solo in Campania!
Davvero #Bravissimi

Un tour, quello di ieri, tra territori straordinari che fanno parte del Parco Regionale del Matese e che si adagiano sulla valle dell'alto Volturno, che fa da cuscinetto tra il Parco Nazionale d' Abruzzo e quello del Matese. Qui abbiamo trovato aziende zootecniche all’avanguardia che fanno del benessere animale, l’innovazione tecnologica e l’artigianalità del prodotto la loro straordinaria mission.
Una straordinaria esperienza che rassicura sulla possibilità di elevare gli standard generali del settore zootecnico.
In questo tour mi ha accompagnato il Prof Pino Iovane che ringrazio per la disponibità.
Siamo rientrati alle 22, stanchi ma consapevoli che la nostra agricoltura ha delle eccellenze di cui forse anche la stampa dovrebbe occuparsi di più!
Esiste anche il bello!
E quando il bello è Made in Campania è ancora più bello!


#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo4 giorni fa
#AgriDiario #AgriDays375e376

Ieri ho trascorso una mattinata con il collega alle #AttivitáProduttive, Antonio Marchiello con il quale abbiamo visitato due importanti realtà produttive e all’avanguardia, tra i “fiori all’occhiello” del nostro #SistemaProduttuvoCampano.
Dapprima lo stabilimento produttivo della #Kedrion di S. Antimo, con l’amico Domenico Russo, accompagnati dal Responsabile di Produzione, da quello delle Relazioni Esterne e dal Country Manager italia di una tra le più efficienti industrie farmaceutiche, con sette stabilimenti dislocati tra Italia, Ungheria, Stati Uniti, Canada e Regnò Unito ho avuto modo di visitare parte del ciclo produttivo dello stabilimento che lavora plasma per produzioni farmaceutiche. Una realtà che da lavoro a circa 160 persone e che sta ampliandosi con una nuova linea di confezionamento automatica.

La seconda visita aziendale, alla presenza del Sindaco di Gricignano Vincenzo S. Agata presso l’azienda di Salvatore De Cristofaro, imprenditore dalla vision ed esperienza internazionale, che ha realizzato in #TerraDiLavoro, un moderno opificio industriale che lavora, nel settore calzaturiero per grossi marchi della moda.
Allo studio Soluzioni per lanciare un progetto per creare, con una #ReteDiImprese, qualificate un #PoloDelLusso, nella provincia di Caserta...#StayTuned

Rientrato in Assessorato, ho incontrato Bruno Mazza che con la sua Associazione "Un Infanzia da Vivere", con sacrificio, abnegazione ed entusiasmo al Parco Verde di Caivano, sta destinando uno spazio da dedicare all'Agricoltura Sociale con #Orti da mettere al servizio dei residenti del Parco per il tramite dell'associazione. Mi sono attivato nell'immediato per mettere a disposizione dell'associazione, per il tramite di uno dei vivai regionali, piante arboree per iniziare a sostenere la fase di start-up del progetto. Vedremo poi come favorire la messa in opera di attrezzature idonee al funzionamento e fruibilità da parte dei bambini delle aree #AgriSociali

Con il collega Felice Casucci ho definito gli obiettivi de Gruppo di Lavoro, congiunto tra i due Assessorati, per elaborare un innovativo modello di "Percorsi Enogastronomici ed Enoturistici in Campania". Un #NewDeal da dare al tanto acclamato binomio turismo agricoltura che definirà in maniera operativa e fruibile gli itinerari delle nostre eccellenze produttive. Darò anche avvio, alla Consulta Regionale sui sentieri paesaggistici della nostra Regione, così come previsto dalla Legge Regionale. Un proficuo incontro che rafforza non solo la collaborazione tra i nostri Assessorati ma che crea le premesse anche per presentare ufficialmente, prima dell'estate, il percorso intrapreso.
#AgriTourism

Poi di corsa in Consiglio Regionale per partecipare ai lavori della terza Commissione Consiliare presieduta dal Consigliere Cammarano che ha richiesto una Audizione per: "Semplificazioni delle procedure autorizzative per ricorrenti pratiche agricole (tagli boschivi) nei territori montani ricadenti in aree SIC e ZPS”. Sono intervenuto, al termine della dettagliata relazione della Dirigente Della Valle per sottolineare la ferma intenzione di proseguire con il processo di sburocratizzazione che non potrà altro che apportare benefici agli operatori ricadenti nelle aree di interesse...#AgriSimply

La giornata di ieri si è conclusa al Real Sito di Carditello, dove in presenza di una sala gremita di allevatori, agricoltori ed addetti ai lavori si è tenuto l'incontro di presentazione delle opportunità del PSR, per il periodo transitorio, per la filiera zootecnica: Mis. 4.1.1 (Azione 😎 e 4.1.5, con una dotazione finanziaria complessiva di 50mil di euro per il 2022. Nel mio intervento, preceduto dai saluti del Sindaco di San Tammaro, Vincenzo D'Angelo, ho precisato come queste Misure siano state fortemente volute dalla #RegioneCampania che nell'interlocuzione con Bruxelles ha difeso la propria tesi interventista per garantire al settore interventi strutturali finanziati dalle Misure 4.1.1 e 4.1.5, rispettivamente per l'adeguamento agli standard di #Biosicurezza obbligatori degli stabilimenti (stalle) e ad interventi di #EconomiaEnergeticaCircolare. Ci siamo soffermati Poi sull'azione di sburocratizzazione attraverso innanzitutto una semplificazione nella documentazione da presentare per l’accesso ai finanziamenti da parte degli allevatori. Gli interventi tecnici che si sono susseguiti Sono stati a cura della Dirigente Daniela Lombardo, responsabile delle due Misure, il Prof. Salvatore Faugno e la Prof.ssa Stefania Pindozzi del Dipartimento di Agraria della Federico II. Una bella serata di lavoro in una cornice fantastica, in un clima disteso e collaborativo che mette un altro tassello importante al complesso mosaico da ricostruire della #FilieraBufalina nella provincia di Caserta...#AgriMeeting

Oggi, a Roma, ho preso parte all'evento "La Geopolitica del Cibo" organizzato da #RadioLeopolda per discutere dell'importanza #Cibo e del ruolo, sempre più centrale che l'agricoltura e l'agroalimentare hanno assunto nel post pandemia e per effetto della guerra. È stata l'occasione per confrontarsi non solo con #MatteoRenzi, l'amico #MaurizioMartina, ViceDirettore Generale della FAO, ma anche con i presidenti nazionali delle Associazioni di Categoria: #EttorePrandini Coldiretti #GiorgioMercuri Allleanza delle Cooperative
#MassimilianoGiansanti Confagricoltura
#FrancescoVerrascina Copagri e
#StefanoFrancia Giovani CIA.
Tutti hanno rappresentato la centralità del Cibo e la necessità che il nostro Paese si doti di una strategia mirata.
Nel corso del mio intervento ho avuto modo di sottolineare alcuni concetti semplici e diretti a chi l'agricoltura e gli agricoltori li "vive" quotidianamente. È per questo che ho evidenziato il ruolo centrale dell'innovazione in agricoltura come volano di sviluppo e rilancio del settore e di come una scelta sostenibile in agricoltura non può prescindere da scelte strategiche orientate all'Agricoltura per ridurre il consumo delle due preziose ed oggi scarse, risorse: il suolo e l'acqua.
Ho colto l'occasione per condividere l’azione politica che sto svolgendo, con l’aiuto di altri colleghi delle Regioni del Sud, in #CPA per riportare al centro dell'Agenda Politica Nazionale la "questione" della diversità delle #AgricoltureRegionali che necessitano di interventi diversificati e non appiattiti su logiche "centralistiche"#AgriPolitic

#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo6 giorni fa
#AgriDiario #AgriDays373e374

Oggi due post in uno per raccontare due giorni intensi di lavoro e di goodnews. Ieri lunga giornata di incontri e riunioni iniziata con i Dirigenti ed i funzionari della struttura, in previsione, della Commissione Politiche Agricole che si è tenuta oggi. Analizzato quanto emerso dalle nostre proposte, inviate a più riprese in CPA e aggiornata la struttura sugli aspetti tecnici delle interlocuzioni avute con il Ministro Patuanelli, la scorsa settimana, arriveremo a produrre un documento di sintesi da sottoporre all’attenzione della Commissione #StayTuned

Sempre ieri si è insediato il #comitatotrasparenza filiera bufalina con tutti i rappresentanti della filiera e organismi tecnici. Hanno partecipato i rappresentanti della #CIA, #COLDIRETTI, #CONFAGRICOLTURA, #COPAGRI, #ANASB, #ARAC, #RISBUFALA, #AGROCEPI/ACLI TERRA CASERTA e #CONSORZIODITUTELADELLA MOZZARELLADIBUFALACAMPANA. Ringrazio il Comando generale dei carabinieri forestali della Campania per aver partecipato ai lavori con il Colonnello #RobertoMiele e la Tenente Colonnello #CaterinaGrippo. Abbiamo condiviso le finalità del comitato, ovvero rendere il piano di eradicazione della brucellosi bufalina quanto più trasparente possibile e, soprattutto, eventualmente migliorarlo ed implementarlo con tutti i contributi che verranno posti dopo il confronto anche con il comitato tecnico. Procederemo con incontri quindicinali, a partire dal prossimo 17 maggio dove analizzeremo con l'Istituto zooprofilattico di Portici il quadro epidemiologico e, con i dirigenti del servizio sanitario veterinario regionale, le questioni attinenti al ripopolamento

A seguire riunione operativa con i rappresentanti della RTI Leonardo, Green Aus, Abaco, DXC, E-Geos per la condivisione del piano di intervento relativo ai servizi IT per l'impianto e la gestione dell'Organismo pagatore regionale. Intendiamo procedere a step, una prima fase partire dal riuso del SIAN nell'ambito degli accordi che AGEAC avvierà con AGEA/MIPAAF e, poi, programmare i successivi interventi di customerizzazione del sistema informativo. Stiamo lavorando intensamente, giorno dopo giorno, per dotare all'agricoltura campana nuovi strumenti innovativi e rispondenti alle esigenze del tempo che viviamo.

Ieri pomeriggio, invece, si è riunito il #TavoloDiPartenariatoForestale alla presenza dei rappresentanti di #Uncem, dell’UPI e dei #Sindacati ho rappresentato al tavolo il nuovo #DEPF per le annualità 2022/2023 evidenziando che, in base ai dati forniti dagli Enti sulla forza lavoro impiegata, il fabbisogno per l’anno 2022 è stimato in circa #70 Meuro, di cui 4 erogati dal bilancio regionale per le attività connesse alla lotta attiva agli incendi boschivi. Simili gli importi immaginati per il 2023 salvo eventuale diminuzione della forza lavoro.
Ristabilito il clima di dialogo e massima cooperazione tra gli intervenuti, ho evidenziato l'innovativo documento, rappresentando il primo #DEPF che recepisce gli incrementi salariali introdotti dal nuovo contratto collettivo nazionale che pesano circa 3,5 Meuro annui. Viene inoltre garantito lo svolgimento delle 151 giornate lavorative per tutti i 1.393 #OTD in servizio presso i 25 Enti delegati andando anche a sopperire alla riduzione dei fondi per l’antincendio boschivo che passano da 4.5 (stanziati nel 2021) a 4 Meuro (stanziati nel 2022).Ulteriore e rilevante novità riguarderà la modifica della percentuale di risorse destinata agli acquisti, innalzata all’#8,5% rispetto al 5,3% dell’anno 2021.

Il rinnovato impegno dell'amministrazione regionale si sostanzierà nell'attivazione di ogni possibile semplificazione delle procedure compatibile con le rigide regole del fondo #FESR. In attesa quindi di avere contezza circa la provenienza dei fondi per la forestazione da parte delle altre #AutoritáDiGestione, utile al riparto da inviare agli #Enti, mercoledì ho chiesto una riunione tecnica con la #ProgrammazioneUnitaria, l'#AdG #FESR, #Uncem e #Upi per raccogliere la sfida di redigere progettualità finalizzate ad intercettare fondi strutturali europei, così da consentire al settore di avere risorse in modo costante per l'intero periodo della programmazione #2021/2027!

Ho incontrato il Presidente dell’#Arac Davide Minicozzi con il quale abbiamo stabilito di convocare una riunione, anche alla luce della diffusione della Peste suona africana nel nostro Paese, sul settore suinicolo per venerdì prossimo.

Bello è stato anche incontrare il mio amico Tommaso Casillo con il quale abbiamo fatto alcune riflessioni sul calendario venatorio e sull’agricoltura Urbana.

La prima #GoodNews arriva da #Bruxelles con il via libera per il Piano di vaccinazione della Regione Campania, nell’ambito del Programma obbligatorio di eradicazione delle malattie infettive delle specie bovina e bufalina in Campania. Tutto come previsto, condiviso e ampiamente annunciato. L’autorizzazione UE, richiesta dalla Regione Campania per l'utilizzo del vaccino RB51 nelle modalità di somministrazione previste dal Piano, è la conferma ulteriore dell’importante lavoro svolto in questi mesi, in sinergia con gli stakeholder, con l’unico obiettivo di eradicare la malattia in regione Campania e tutelare la salute dei cittadini. La Commissione UE - come si legge nella missiva - ha preso atto delle modifiche al Programma di eradicazione già approvato, ritenendole ammissibili. Con questo provvedimento, dunque, le modifiche diventano parte del Programma italiano approvato, che ora include la vaccinazione. I punti centrali del nostro intervento rimangono le vaccinazioni, l'autocontrollo trasparente e la tempistica diagnostica.

Oggi ho partecipato da remoto, ai lavori della Commissione Politiche Agricole.
Principale argomento della #CPA è stato quello del riparto dei Fondi FEASR, a valere sul secondo Pilastro della nuova PAC 23/27. In apertura di riunione, il coordinatore ha sottoposto all’attenzione della Commissione una proposta, formalizzata dalla Regione Sardegna, in cui si ribadisce quanto più volte sostenuto, della complementarietà tra le scelte redistributive delle risorse tra il primo ed il secondo pilastro ed in cui si evidenzia, quanto da me sostenuto, che l’aumento della spesa pubblica, che in alcune Regioni sembra essere aumentata, non possa ritenersi tale se questo aumento è determinato dall’incremento della quota di finanziamento regionale la quota di cofinanziamento regionale. Questa evenienza, come anche la mia palese insoddsfazione sul redistributivo, relativamente alla proposta del modello puro a 14 ettari, peraltro evidenziata anche, tra le oltre 320 osservazioni che Bruxelles ha fatto al #PSP (Piano Strategico Nazionale); come la previsione di una soluzione per il tabacco ed altre proposte che formalizzerò con un documento che invierò alla #CPA nelle prossime ore, sono state oggetto di dibattito nel corso del prosieguo dei lavori. La Commissione si è aggiornata al prossimo 19 maggio.
I lavori si sono conclusi, non prima che io abbia evidenziato che è ferma intenzione della Regione Campania, mia e soprattutto de #PresidenteDeLuca adire in tutti i gradi di giudizio fino alla Corte di Giustizia Europea, laddove i criteri a fondamento della Politica Comunitaria di perequazione delle risorse tra le regioni non dovessero essere utilizzati
#AgriRegions

Oggi nel corso della #CPA abbiamo discusso anche del comparto faunistico. In particolare dopo aver ascoltato le parole della collega della #RegioneLazio, regione che da poco è stata colpita anche dal virus della #PesteSuinaAfricana, si è tenuto un interessante dibattito con la sottosegretaria #Gava che ha rappresentato la posizione del #MITE rispetto alle proposte di modifica della legge #157/92 avanzate formalmente dalla #CPA.
Nello specifico la posizione del MITE che sarà condivisa domani nel corso della #ConferenzaDelleRegioni accoglie la richiesta fatta da tutti gli assessori regionali di estendere il periodo venabile per gli ungulati di due mesi, consentendo così un cambio di passo epocale a tutela degli agricoltori per un maggiore contenimento della specie e si spera anche della malattia oramai alle porte della nostra regione.
Il decreto immaginato sarà sottoposto al vaglio del #MIPAAF prima di essere convertito in legge dal parlamento. Un primo passo insomma verso una condivisa esigenza di una immediata risoluzione di un problema che colpisce in particolare i nostri agricoltori!

La seconda #GoodNews riguarda ancora il comparto forestale. Dopo appena 24 ore, grazie all'instancabile lavoro degli Uffici Regionali e alla disponibilità riscontrata negli #Enti interpellati sono stati ottenuti già i primi risultati. Ieri, infatti, nel corso del #TavoloDiPartenariato, le rappresentanze sindacali mi hanno sottoposto la problematica dell'avvio al lavoro degli OTD storici delle provincie di #Avellino, #Caserta e #Salerno. Dopo le interlocuzioni avute con gli Uffici sono stati approntati gli accodi tra #Province e #ComunitáMontane per l'assunzione degli operai; per Avellino e Salerno gli accordi con le comunità montane verranno rinnovati. Per l’avvio al lavoro dei 69 #OTD storici della provincia di #Caserta, invece, dopo qualche difficoltà si è raggiunta una quadra e gli operai verranno assunti direttamente dalla Provincia.
Nell’ambito delle interlocuzioni informali la Regione assicurerà il massimo supporto tecnico, operando in stretta sinergia con i corrispondenti uffici provinciali per la gestione amministrativa delle procedure, così come sinora fatto anche con gli altri #Enti! La comunicazione del riparto delle risorse #2022 sbloccherà la procedura per le relative assunzioni.

#PiùAgriInCampania
#CampanaAmbizione
#CambiamoPasso

Nicola Caputo
Nicola Caputo
Nicola Caputo1 settimana fa
Ho tentato di resistere, ma non ce l’ho fatta!
Quanto mi manchi mamma!
Quanto mi manca il tuo sorriso e la semplicità di questo giorno con te!
Auguri a tutte le mamme del mondo!

Nicola Caputo